info@logicaecontrollo.com

+39 0141 769085

  • LINE CONTROL

    Line Control SE

    LineControl SE è un sistema per la visualizzazione del processo di imbottigliamento scalabile intorno alle esigenze del cliente, con le più complete funzioni per il monitoraggio del processo automatico. Si parte dal sistema monostazione con salvataggio dei dati sul file di testo locali a sistemi multi-server con pubblicazione su web dei report di produzione. Consiste in un sistema run-time basato su ambiente Windows compatibile con i normali PC industriali e Panel-PC in comunicazione con le macchine che costituiscono la linea di imbottigliamento. L’integrazione diretta sulla linea prevede l’implementazione in carpenterie standard, con il grado di protezione tipico di tali ambienti e alimentazioni a 24 volt; la versione per l’ufficio prevede normali workstation come sistema di destinazione

    Caratteristiche del sistema

    LineControl SE prevede l’accompagnamento del cliente fin dalle prime fasi di progettazione. La possibilità di intervenire sulla gestione dell’intera linea di imbottigliamento già a livello di prototipo, permette di cucire una soluzione intorno alle esigenze di qualunque progetto. Coerenza e ottimizzazione delle soluzioni al fine di evitare modifiche strutturali nelle fasi più avanzate.

    La necessità di conoscere lo stato di ciascun elemento della linea per comunicarlo istantaneamente a LineControl SE porta alla definizione di una rete tra le macchine della linea. Ethernet o un bus di campo (Profibus, DeviceNET, ecc) sono le soluzioni più classiche, che portano anche alla modifica delle macchine esistenti con l’aggiunta del supporto alle estensioni desiderate.

    Lo stato delle macchine, gli allarmi, la produttività e le fermate. La possibilità di sapere in ogni istante come la linea si sta comportando, capire dove intervenire per ottimizzare i macchinari a disposizione e anche il proprio investimento. Storicizzare le proprie produzioni nel formato più congeniale al cliente, data base locali o remotati, file di testo di facile lettura o report.

    Una volta storicizzati i dati possono essere recuperati e rielaborati. Le interrogazioni sulla base di dati diventano immediatamente accessibili a chiunque attraverso maschere stabilite a livello di progetto. L’elaborazione degli stessi dati di produzione in grafici di immediata comprensione permettono di evidenziare lacune nei mezzi a disposizione della linea o miglioramenti nell’arco del tempo.

    Sistema di base

    Decisioni a livello di progetto

    L’obiettivo di Line Control SE è la collezione di dati delle macchine che sostituiscono la linea di imbottigliamento. Il primo passo verso un sistema di supervisione è la definizione della natura e tipologia di dati da archiviare da ciascuna macchina e dall’insieme di esse. Si va dal semplice stato, in funzione alla velocità di produzione x oppure ferma, alla collezione dei dati di produzione più diversi, come numero di identificazione del lotto, produttività della singola macchina e della linea intera. Una volta definiti i dati da campionare si passa a definire la modalità di registrazione di tali dati. A questo livello della progettazione è possibile prevedere una modifica anche di natura elettro-meccanica alla macchina già esistente al fine di adeguarla agli stand richiesti.
    Fissata la rete tra macchine si passa a definire il sistema di collezione dati.

    Realizzazione

    Definita la modalità di comunicazione tra le macchine, i trasporti e il sistema di supervisione si passa alla realizzazione dell’applicazione.

    Layout

    La pagina centrale di LineControl SE è sempre il layout della linea/sistema da supervisionare:
    qui vengono visualizzati in tempo reale i dati più importanti e lo stato attuale di ogni particolare dell’intero sistema. A seconda del progetto si può introdurre anche la possibilità di comandare in remoto parte del sistema, in tal caso l’integrazione con le macchine diventa ancora più stretta, rendendo necessario lo studio di ogni sistema direttamente insieme ai produttori. L’interfaccia utente stessa di LineControl SE può uniformarsi a quella della macchina.

    Allarmi

    Dalla pagina principale sono immediatamente disponibili gli allarmi di tutta la linea. Per ogni macchina vengono collezionati gli allarmi attivi. Gli allarmi sono quindi salvati in file CSV. È presente la possibilità di pubblicarne la lista in un database di qualunque tipo, sempre in base alle richieste del cliente. Il tutto è immediatamente disponibile dall’ambiente stesso della supervisione.

    Particolare macchina

    Dal layout della linea si può accedere allo stato particolareggiato di ciascuna macchina. Tutte le informazioni collezionate da tale macchina vengono visualizzate in maniera più immediata possibile. La registrazione dello stato dei particolari della macchina rende gratuita l’introduzione dei trend, ovvero grafici che rappresentano il cambiamento di stato di un dato oggetto nel tempo. Diventa possibile monitorare temperature, velocità, flussi, gradi di temperatura o produttività di ciascun sistema facente parte della linea.

    Lotto di produzione

    La produzione si divide in lotti: ogni ciclo è caratterizzato da un codice unico, un prodotto trattato, una data e ora di inizio e una durata. Al termine del lotto i dati vengono spediti al database della produzione se disponibile, o come per ogni altro dato, a file di testo. Spesso diventa necessario associare ai lotti le ricette. In quel caso LineControl SE diventa il centro dell’intero sistema di imbottigliamento.

    Altre Programmazioni

    Commenti disabilitati su LINE CONTROL

    Read more

    SCADA

    Progettazione

    Saper tradurre le richieste del cliente in un prototipo di applicazione e in un layout della rete richiesta è il primo passo verso un buon sistema di supervisione. Capire quali siano le reali necessità e specifiche del progetto è fondamentale per imboccare la strada giusta nella progettazione e realizzazione di uno SCADA completo e convincente.
    Coinvolgere i costruttori delle macchine diventa subito fondamentale. Decidere quali saranno i segnali da scambiare tra le macchine e la supervisione permette di dimensionare già in partenza la mole di dati e la rete su cui si dovrà in seguito lavorare. Per questo motivo la priorità in questa fase della progettazione diventa definire in manierà più definitiva possibile le caratteristiche dello scambio informazioni macchina-linea, supervisione-macchina, linea-supervisione. A tal proposito è stata pensata la documentazione che spiega ai vari tecnici quali siano i segnali richiesti e quale sia la loro natura.
    La parte di sviluppo non termina se non dopo il collaudo definitivo del sistema. Anche durante la prova sul campo modifiche di varia natura possono essere applicate al software; aggiunta di formati di scambio dati, pagine di visualizzazione o comandi. Definito lo scambio informazioni preliminare si inizia ad avere una traccia sulla quale lavorare per una prima configurazione hardware-software. Viene quindi deciso quali saranno i sistemi hardware coinvolti nel progetto (spesso la configurazione dipende dall'ambiente hardware scelto dagli altri costruttori e dalle richieste del cliente), quale sarà la piattaforma software da utilizzare (proprietaria, commerciale o creata ad hoc) e si provvede alla creazione di un prototipo.

    Sviluppo

    La definizione di un prototipo dell'applicazione permette al cliente di avere qualcosa di funzionante su cui iniziare a sperimentare e a noi di capire quali sono i punti di forza e di debolezza del progetto. A questo punto diventa naturale il taglio o l'aggiunta delle caratteristiche ritenute necessarie. Lo scheletro dell'applicazione è immediatamente disponibile su specifiche discusse insieme al cliente, rimangono quindi possibili modifiche a livelli non invasivi; tutto il lavoro precedente assicura che la prima versione dell'applicazione sia già del tutto funzionale.
    Sono disponibili simulazioni dell'ambiente di supervisione che anche senza l'hardware target (quello su cui poi girerà l'applicazione definitiva) permettono di farsi un'idea sullo sviluppo finale. Gli strumenti utilizzabili sono molteplici, così come la personalizzazione permessa. L'ampio storico di progetti ci permette di cogliere ogni possibile sfumatura in un ambiente così critico per la qualità della produzione come quello SCADA. La parte di sviluppo non termina se non dopo il collaudo definitivo del sistema. Anche durante la prova sul campo modifiche di varia natura possono essere applicate al software; aggiunta di formati di scambio dati, pagine di visualizzazione o comandi.

    Integrazione

    Fondamentale rimane la connessione tra il sistema di gestione trasporti LineControl e l'applicazione SCADA. LineControl è stato sviluppato pensando immediatamente all'integrazione con un eventuale supervisione, risultando a sua volta un basilare sistema SCADA. Il modo in cui i dati di produzione vengono rappresentati al suo interno permette un'estensione al mondo della supervisione quasi gratuita. La stessa interfaccia operatore dei due ambienti è condivisa, risultando immediato anche per gli utilizzatori il passaggio tra una e l'altra senza difficoltà.

    Altre Programmazioni

    Commenti disabilitati su SCADA

    Read more

    SISTEMI EMBEDDED

    Quando la potenza di calcolo di un normale PLC non è sufficiente, oppure le specifiche di applicazione richiedono caratteristiche non presenti nel normale hardware, i sistemi embedded entrano in gioco. Scalabilità e potenza diventano a portata di mano.

    Altre Programmazioni

    Commenti disabilitati su SISTEMI EMBEDDED

    Read more

    MOTION CONTROL

    Dove il grado di precisione o la velocità offerta da un normale inverter non basta, la soluzione diventa il motore brushless. Accompagnato ad un normale PLC o ad un controller dedicato, i movimenti possibili diventano infiniti.

    Altre Programmazioni

    Commenti disabilitati su MOTION CONTROL

    Read more